Apple ha presumibilmente comprato un azienda per il suo interesse nella AR!



0

Tim Cook ha dichiarato il suo interesse nei confronti della AR in varie occasioni, dopo aver dichiarato a gennaio che essa sia “una grande idea come lo smartphone“. E per essere onesti, giudicando ciò che Apple ha presentato al WWDC 2017, e più specificamente il nuovo ARKit, sembra che la società sia effettivamente in dirittura d’arrivo per causare una bella spruzzata nel piccolo stagnetto della realtà aumentata nei mesi a venire. Tuttavia, Tim Cook ha anche chiarito che la tecnologia è ancora in gran parte da lavorare e svilupparsi ulteriormente, prima che possa colpire il grande pubblico.

A questo proposito, Cupertino apparentemente sta cercando di costruire il suo sforzo di sviluppo nell AR e probabilmente ha acquisito una società tedesca, denominata SensoMotoric Instruments (SMI). L’entità crea applicazioni di visione informatica e tecnologia di monitoraggio degli occhi, che possono essere utilizzati in apparecchi AR / VR, sistemi di automobile, neuroscienze, formazione cognitiva e fisica tra altri usi.

Mentre Apple non ha confermato ufficialmente l’affare, le prove emerse sembrano sufficienti per concludere con un livello di certezza che l’acquisizione è difatti avvenuta. Come spesso avviene con le grandi imprese, tendono ad utilizzare società di comodo per acquisizioni aziendali e altre, al fine di minimizzare la pubblicità delle offerte. In questo caso, una filiale di Apple, chiamata Vineyard Capital Corporation, ha agito come acquirente nell’affare. Il 16 giugno SMI ha depositato documenti presso il Registro delle Imprese tedesche che ha indicato che l’Amministratore Delegato della società era ora uno dei rappresentanti di Vineyard, il Dr. Ali Sahin.

Inoltre, SMI ha recentemente rimosso alcune pagine del prodotto dal suo sito web, nonché il suo portale per l’acquisizione di posti di lavoro, le informazioni di contatto, l’elenco dei distributori e altre informazioni. Anche il direttore generale della società Eberhard Schmidt e altri profili del direttore sono stati rimossi dal sito. Un tipico anonimo, che presumibilmente ha parlato con un dipendente di Apple, ha anche confermato che l’acquisizione è ufficiale.

AR
La tecnologia consente di proiettare l’immagine direttamente nella fovea di una persona

SMI ha sviluppato sia hardware che software in ambito di monitoraggio degli occhi e ha creato i propri occhiali a questo fine. I vetri sono in grado di misurare lo sguardo naturale di una persona in tempo reale, con una frequenza di aggiornamento in ingresso di 120Hz. La tecnologia consente di proiettare l’immagine direttamente nella fovea di una persona o nella parte interna dell’occhio, dove i recettori visivi sono più densi e le immagini vengono percepite più chiaramente. Ha trovato applicazione nello sport, come illustrato dal video di SMI qui di seguito, ma ha un enorme potenziale negli headset AR / VR, dove gli utenti possono controllare e navigare in una partita o un’interfaccia, usando solo il movimento degli occhi.

L’azienda ha inoltre sviluppato una barra di sensori che si collega ad un computer e segue i movimenti degli occhi dettagliati a 250 Hz. Apparentemente, SMI ha un’esperienza in cuffie orientate ai consumatori, in quanto ha contribuito allo sviluppo di HTC Vive e Oculus Rift.

Ora abbiamo sentito diverse voci che il prossimo iPhone potrebbe dedicare funzioni AR / VR allo sport, ma anche che Apple potrebbe proprio creare degli occhiali AR / VR. Tuttavia, non abbiamo avuto nessuna di queste speculazioni ufficialmente confermata da Cupertino. Tuttavia, la spinta di Apple in direzione delle esperienze virtuali è chiara.

Antonio Di Biase

About the Author